Come costruire un localizzatore satellitare di emergenza in un minuto.






Procuriamoci un telefonino Android che non usiamo più. Deve avere una SIM attiva, la classica registrazione ad un account Google, una batteria in discrete condizioni e le App di Google aggiornate (diversamente avviare 'Google Play' e lanciare gli aggiornamenti). In pratica deve essere un normale telefonino Android. Dopodichè seguiamo questi semplici passi:

1) Apriamo il menù a tendina di Android in alto nello schermo. Attiviamo 'GPS' e 'Modalità silenziosa'. Disattiviamo 'Vibrazione'.

2) Se si tratta di un Android 6 o superiore entriamo in 'Impostazioni'  > 'Batteria' ed escludiamo le App 'Maps', 'Google', 'Google Play' e 'Google Play Framework' dalla gestione ottimizzata del consumo di batteria (non è indispensabile ma è meglio farlo). 

3) Entriamo in 'Impostazioni'  > 'Geolocalizzazione' e verifichiamo che la geolocalizzazione sia attiva in modalità 'Alta precisione'.

4) Se non c'è una password di blocco schermo clicchiamo 'Impostazioni' > 'Sicurezza' > 'Blocco schermo' e impostiamo una password. Non è indispensabile ma utile in caso di rinvenimento del cellulare per non svelare la sua funzione.

5) Entriamo in 'Impostazioni'  > 'Schermata di blocco' (oppure 'Display'dipende dalla versione di Android) e regoliamo la 'Sospensione' al minimo consentito (di solito 10 o 15 secondi). Anche questo non è indispensabile ma aumenta la discrezione e aumenta la durata della batteria.

6) Entriamo in 'Contatti' e aggiungiamo il numero telefonico che vogliamo usare per tracciare il localizzatore di emergenza (è il numero telefonico di chi effettua il controllo).

7) Entriamo nella App 'Maps', clicchiamo l'icona in alto a destra vicina al simbolo del microfono, clicchiamo 'Condivisione della posizione' e attiviamo la condivisione della posizione. Selezioniamo 'Fino alla disattivazione' e inviamo via SMS il link generato. Il destinatario dell'SMS sarà ovviamente il cellulare che vogliamo usare per tracciare il telefonino localizzatore di emergenza. In alcuni casi potrebbe essere segnalato che l'account Google non ha la 'Cronologia delle posizioni' (spostamenti) attiva. Si viene quindi indirizzati alla pagina Internet della 'Google Dash Board' dove bisogna attivare la funzione 'Cronologia delle posizioni' o 'Spostamenti'. E' un basilare storico degli spostamenti nel caso in cui dovessimo perdere qualcosa durante il controllo in diretta. Basta entrare nel menù 'Posizioni' delle Google Maps del telefonino localizzatore di emergenza (o nell'account Google del telefonino localizzatore di emergenza) per vedere gli spostamenti storicizzati.

8) Apriamo il menù a tendina di Android, disattiviamo 'Luminosità automatica' e regoliamo manualmente la luminosità del display al minimo consentito. Anche questo non è indispensabile, ma utile per ridurre il consumo di batteria e rendere tutto più discreto. Poi con il tasto 'ON' del cellulare spegnamo il display.

 

A questo punto spostiamoci sul cellulare che vogliamo usare per tracciare il localizzatore di emergenza, dove basterà cliccare il link ricevuto via SMS per iniziare il controllo. Anche questo cellulare dovrà essere un Android e dovrà avere il numero telefonico del localizzatore di emergenza fra i contatti memorizzati. Se l'aggiornamento della posizione non avviene apriamo il piccolo menù in alto a destra (con i 3 puntini) e clicchiamo 'Aggiorna'.

Probabilmente la batteria del cellulare-localizzatore coprirà a malapena una giornata (di solito 10-12 ore). E non ci sono avvisi movimento / sosta nè funzioni evolute. Ma cosa pretendere da un localizzatore di emergenza praticamente gratis? Potremo nascondere il telefonino-localizzatore in auto. In alcuni casi potremo anche far finta di averlo dimenticato o perso nell'auto (essendo bloccato nessuno potrà accorgersi che in realtà era diventato un localizzatore).

Questa procedura può essere adatta non solo ad un telefonino da nascondere, ma in alcuni casi anche ad un telefonino normalmente utilizzato da un utente ignaro. In effetti, una volta attivata la condivisione della posizione, difficilmente un utilizzatore comune potrà accorgersi che nel suo telefonino c'è questa funzione attiva. Per questo tipo di utilizzo bisogna entrare in 'Impostazioni' > 'App' > 'Maps' > 'Notifiche' e disattivare le notifiche 'Spostamenti di Google Maps', 'Condivisione della posizione (tu)' e 'Aggiornamenti su condivisione posizione di Google'. Così facendo non verranno mostrate all'utilizzatore del telefonino segnalazioni e notifiche connesse alla condivisione della posizione attiva. Naturalmente funziona solo se l'utilizzatore non disattiva la geolocalizzazione, cioè il ricevitore GPS del cellulare.

 


Le notifiche da disattivare nella versione 11 di Google Maps (salvo modifiche future di Android o delle Google Maps) nel caso di attivazione della condivisione della posizione su telefonino utilizzato da utente ignaro.



Servizi tecnici, informatici e difesa elettronica. Vedi...


Altre pagine connesse all'argomento:


Blogspot
Il nostro blog. Vedi...

Catalogo localizzatori satellitari GPS.
Vedi...

Come scoprire un localizzatore magnetico sotto ad un veicolo. Vedi...

Come scoprire se siamo pedinati con un localizzatore. Vedi...

E' legale nascondere una microspia audio all'interno di un autoveicolo? Vedi...

Le norme GDPR e le piattaforme WEB per il cloud GPS tracking. Vedi...

Cos'è il sistema GPS e come funziona. Vedi...

Doppio localizzatore GPS: la nuova frontiera antifurto. Vedi...
 


Acquisti sicuri PayPal






 



Cliccare qui

Pagamenti


Telefono Electronet.


Messaggia su Telegram

Messaggia su WhatsApp

  

ELECTRONET Via Asiago 22 41028 Serramazzoni (MO) - IT. Tel. +39 05361856240 n. 2 linee R.A. Fax +39 05361851123. Partita IVA IT 02811170360 - REA 333421 MODENA IT - Autorizzazione al commercio 12/99 Comune Pavullo (MO).

Privacy Policy e Cookies Policy