Cosa possono fare le agenzie investigative in Italia?





Gli investigatori privati non possono svolgere quelle attività svolte dagli organi di polizia giudiziaria nel compimento di un’indagine.


Un investigatore privato non può perquisire persone e luoghi, accedere ad ambienti privati senza il consenso del titolare del luogo, intercettare comunicazioni riservate, acquisire dati coperti da privacy, violare sistemi informatici, proteggere l'incolumità fisica di chi si sente minacciato, svolgere attività di pubblica sicurezza, limitare le libertà personali. Mentre un investigatore privato può pedinare in luogo pubblico, scattare foto in luogo pubblico, raccogliere informazioni da banche dati pubbliche, effettuare sopralluoghi con il consenso del titolare del luogo.

In pratica un investigatore privato può compiere attività che sarebbero lecite anche se venissero compiute da un normale cittadino.

La differenza sostanziale rispetto ad un normale cittadino sta nel fatto che l’investigatore privato, in virtù della licenza rilasciata dal Prefetto ex art. 134 TULPS e DM 269/2010 (emendato con DM 56/2015), è autorizzato a svolgere delle indagini in forma professionale, sistematicamente e per conto di terzi dietro pagamento di un compenso.

Anche un normale cittadino può svolgere un'indagine. Ma, non avendo la licenza del Prefetto, può svolgere solo un'indagine nel suo esclusivo interesse, cioè su questioni che lo riguardano direttamente e personalmente. Spesso sono questioni familiari o comunque confinate nella sfera privata e personale. In questi casi non è necessaria la licenza del Prefetto perchè mancano tutti gli aspetti che la rendono obbligatoria (cioè forma professionale, indagini svolte sistematicamente per conto di terzi e pagamento di un compenso). Es. 
sentenza 48264/2014 della Cassazione. Ovviamente resta vietato svolgere un'indagine con metodi che infrangono la legge, es. spiando in private dimore, causando molestie, minacciando, rubando, violando un domicilio, diffamando, ecc.   


Considerata la varietà dei bisogni dei clienti, può capitare che le agenzie investigative rifiutino determinati incarichi.
Quasi sempre sono rifiuti giustificati perchè il mandato di indagine ad un'agenzia investigativa deve essere centrato su uno scopo lecito, cioè sulla necessità di far valere o difendere un interesse legittimo. E deve essere attuabile senza infrangere nessuna legge. Ad es. è uno scopo lecito voler scoprire se un proprio dipendente ruba in azienda. Mentre non è uno scopo lecito voler scoprire quale nuovo prodotto sta progettando segretamente un concorrente aziendale.

Da segnalare inoltre che i mandati alle agenzie investigative, che normalmente prevedono una durata e una scadenza, devono essere pagati a prescindere dai risultati delle indagini. Si tratta di un aspetto ovvio e assolutamente legittimo, ma incompatibile con indagini su questioni che si verificano saltuariamente e imprevedibilmente: in questi casi sarebbero necessari infatti dei lunghi controlli con costi insostenibili.

Il lavoro dell'investigatore privato è assolutamente legale. 
Non è possibile denunciare un investigatore privato perchè, agendo con un regolare mandato, ha raccolto delle informazioni per uno scopo lecito e senza infrangere nessuna legge. Un investigatore privato, al pari di un normale cittadino, può essere denunciato solo se ha svolto delle attività in contrasto con la legge. A differenza di un normale cittadino, un investigatore privato è soggetto anche alle aggravanti specifiche previste in alcuni articoli del Codice Penale (es. ultima parte dell'art. 615bis). Infine un investigatore privato è un professionista che lavora per conto di terzi, quindi è soggetto alle norme europee GDPR (General Data Protection Regulation) sulla privacy dei dati personali. Il GDPR non è invece applicabile ai normali cittadini quando trattano informazioni e dati altrui in ambito domestico o comunque per questioni strettamente private e personali.



Approfondimenti

La Legge per tutti (Avv. Acquaviva): quando è reato pedinare? Vedi...
La Legge per tutti (Avv. Acquaviva):
si può denunciare un investigatore privato?
Vedi...




Altre pagine connesse all'argomento:

Blogspot
Il nostro blog. Vedi...

Le norme GDPR e le piattaforme WEB per il cloud GPS tracking.
Vedi...

Norme e leggi indagini private in Italia. Vedi...
 


Acquisti sicuri PayPal






 



Cliccare qui

Pagamenti


Telefono Electronet.


Messaggia su Telegram

Messaggia su WhatsApp

  

ELECTRONET Via Asiago 22 41028 Serramazzoni (MO) - IT. Tel. +39 05361856240 n. 2 linee R.A. Fax +39 05361851123. Partita IVA IT 02811170360 - REA 333421 MODENA IT - Autorizzazione al commercio 12/99 Comune Pavullo (MO).

Privacy Policy e Cookies Policy